A Lecce le prime polemiche d’ inizio scuola

Oggi è suonata la campanella i bimbi tornano a scuola, a Lecce le prime polemiche d’ inizio scuola.

A denunciare un fatto increscioso riportato anche sulla testata nazionale della Repubblica è l’ associazione Nazionale Mussulmani Italiani guidata da Raffaele Villani.

Sul sito dell’ Associazione si legge:

L’Associazione Nazionale Musulmani Italiani rimane sconcertata dall’atteggiamento quasi discriminatorio dell’Amministrazione di Lecce, che predica bene ma razzola molto male.

Su richiesta e sollecitazione di molte famiglie musulmane, tra cui anche italiane e coppie miste, abbiamo esposto il seguente problema all’Assessore di riferimento Fabiana Cicirillo, che nonostante le nostre sollecitazioni ha preferito ignorarci.

Nelle mense delle scuole dell’infanzia di Lecce, con gestione del servizio esterno, viene fornito un menù ai bambini frequentanti la scuola dell’infanzia, il menù ha un bilanciamento tra carne, pesce, verdure e pasta, e come previsto dalle Linee di indirizzo nazionale per la ristorazione scolastica del ministero della Salute, tutte le scuole in Italia e soprattutto i capoluoghi di Provincia, offrono alternative  per motivi di salute, allergie ed intolleranze.

Nelle scuole di Lecce, l’alternativa (a pagamento, perchè va ricordato e sottolineato)  per motivi etico-religiosi, è la sostituzione della carne con il formaggio!

Azione che va contro ogni principio della decenza, privare i bambini della carne nell’età della crescita è un’azione sconsiderata, nonostante la carne Halal, sia carne totalmente italiana, facilmente reperibile senza grandi variazioni di prezzo, inoltre ci eravamo proposti di certificare gratuitamente e senza costi per l’amministrazione e per l’azienda gli eventuali prodotti, in modo da far accedere il servizio ai bambini.

Il problema è stato segnalato all’Assessore già ad agosto 2021, dove ci è stato promesso provvedimenti immediati, ulteriore richiesta protocollata nel settembre 2021 (mai evasa), ulteriore richiesta protocollata il 25 agosto e ancora mai evasa.

Forse non abbiamo un nome straniero e non antirisonante, ma abbiamo provato più volte il dialogo con questa Amministrazione “del cambiamento”, ma purtroppo le parole restano parole e i fatti restano fatti, sventolare la bandiera dell’accoglienza e del dialogo non serve a nulla se i fatti rimangono parole sui social , siamo musulmani non stupidi.

A Lecce le prime polemiche d’ inizio scuola si fanno sentire.

 

Raffaele Longo – Puglia Post

Leave A Reply

Your email address will not be published.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More